Per Gucci un Rinascimento rock

Abiti da corte e pellicce disco, logo ripreso da street artist

(ANSA) - MILANO, 24 FEB - Dalla corte di Caterina de Medici allo studio 54: è un viaggio che parte dal Rinascimento e arriva allo street style quello della collezione Gucci firmata da Alessandro Michele. Il suo viaggio, iniziato nelle corti italiane, si è spinto fino a Brooklyn, dove lo stilista ha incontrato Trevor (ma si fa chiamare anche Trouble) Andrew, musicista, artista, ma soprattutto "logomane folle", tanto appassionato del marchio da farsi chiamare 'Gucci Ghost'. Un rappresentante dello street style che disegna fantasmini con il simbolo della maison e usa la parola Gucci come sinonimo di cool. Con lui Alessandro Michele ha scelto di collaborare perché "appropriarsi dell'eco della nostra lingua mi è sembrato molto contemporaneo". Così lo stilista ha preso dal suo 'imitatore' alcune suggestioni per pilotarle all'interno del suo discorso. E fa un certo effetto vedere il logo Gucci ridisegnato da uno street artist su borsette, bomber, ma anche sulla gonna a pieghe di seta portata con il giubbino di denim hipster.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Camera di Commercio di Milano
Camera di Commercio di Milano
Aeroporto Malpensa