Universitari, solo 1 su 5 ha gestito progetti digitali

Ricerca, c'è deficit competenze ma buono spirito imprenditoriale

(ANSA) - MILANO, 15 FEB - Tutti gli studenti universitari usano internet e i social media, ma solo uno su cinque ha già fatto esperienza di progetti digitali come la gestione di un blog, un sito, una pagina Facebook oltre al profilo personale, un canale youtube o la vendita online. E solo uno su quattro dimostra conoscenze teoriche avanzate, riuscendo a dare la definizione giusta di concetti chiave delle tecnologie digitali applicate al business di oggi come "mobile advertising", "cloud", "fatturazione elettronica" o "big data". Sono alcuni dei risultati della ricerca "Il futuro è oggi: sei pronto?" sulle capacità digitali e la sensibilità imprenditoriale degli studenti universitari italiani, condotta da University2Business, società del Gruppo Digital360 nata dall'esperienza di un gruppo di docenti universitari e professionisti del mondo digitale ed HR che facilita l'incontro tra università e mondo delle imprese, puntando sui canali digitali e sui servizi innovativi. Vanno meglio - inaspettatamente - le competenze nello sviluppo software: il 10% degli studenti sa già sviluppare e oltre il 20% sta imparando a farlo, la metà di questi autonomamente e non all'università; non pochi e con un'incidenza trasversale rispetto alle facoltà di appartenenza. Si inizia a diffondere, inoltre, il desiderio di avviare un'impresa: il 30% degli universitari ha frequentato un corso su come creare una nuova azienda (nel 18% dei casi all'università, nel 12% di propria iniziativa). Mentre quasi il 40% degli studenti dichiara di aver avuto almeno un'idea di business: di questi, uno su due ha anche avviato un'attività imprenditoriale o sta cercando di farlo.
    "Dalla ricerca di University2Business emerge - afferma Andrea Rangone, CEO di Digital360 - come la maggioranza degli studenti universitari italiani oggi si affacci al mondo del lavoro con una scarsa conoscenza della trasformazione digitale in atto nell'economia, con un approccio passivo al mondo digitale. Anche se si evidenzia, sorprendentemente, un gruppo di studenti trasversale rispetto alle facoltà e alle aree geografiche del Paese che ha capito l'importanza delle tecnologie digitali e sa utilizzarle in modo proattivo e progettuale, assumendo nel contempo uno spirito imprenditoriale". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Camera di Commercio di Milano
Camera di Commercio di Milano
Aeroporto Malpensa