Morta in dirupo, 20 anni a fidanzato

Condannato cercò anche di uccidere testimone scomodo

(ANSA) - SONDRIO, 28 GEN - Il 23 agosto del 2014, dopo un litigio per gelosia, aveva spinto in un burrone, in Valtellina, la sua fidanzata, la ventitreenne cameriera Veronica Balsamo, di Grosio (Sondrio), poi colpita con un sasso alla testa per finirla alla base del dirupo.
    Emanuele Casula, diciottenne all'epoca del fatto, apprendista operaio residente a Grosotto (Sondrio), è stato condannato dal gup Fabio Giorgi a venti anni di reclusione per l'omicidio della ragazza, soppressione di cadavere e tentato omicidio del trentaduenne Gianmario Lucchini di Grosotto, ora in stato vegetativo in una casa di riposo, ritenuto dall'imputato scomodo testimone dell'atroce delitto.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati


null

Elettra Impianti: tecnologia a tutto tondo per abitazioni e ambienti di lavoro

Giordano Cattaneo: i nostri plus? competenza ultra ventennale e rapidità del nostro servizio di assistenza.


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Camera di Commercio di Milano
Camera di Commercio di Milano
Aeroporto Malpensa