Lampade dixpari per economia circolare

Esperienza di questa start up presentata in Confindustria Genova

 Continua lo sviluppo della start up 'dixpari', esempio di economia circolare che con gli scarti della produzione plastica della Spa Stampaggio, crea lampade di design. La curiosità è che in Spa opera Roberto Candelo e in 'dixpari' le figlie Carolina e Isabella. In occasione del workshop "Management e imprese alla sfida dell'economia circolare" organizzato da Confindustria, Carolina Candelo ha illustrato gli ultimi modelli di 'dixpari', l'ultima green answer dell'azienda di famiglia che con la creazione e la commercializzazione di complementi d'arredo e luce riduce la quantità di materiale termoplastico da smaltire. Una lampada può arrivare a pesare 4/5 kg e nel processo di avviamento di una pressa, quando si passa da una produzione all'altra, vengono smaltiti in media 10 kg di materiale. Il progetto va oltre utilizzando materiale plastico rigenerato internamente, ricavato da componentistica obsoleta o non conforme a standard qualitativi della produzione e destinata ad essere rottamata.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai al Canale: ANSA2030
Vai alla rubrica: Pianeta Camere