Via da strade chi firmò Manifesto Razza

Al loro posto vie intitolare a chi fu vittima di discriminazione

(ANSA) - ROMA, 21 NOV -A Roma spariscono i nomi di due strade e un largo, prima intitolate a firmatari del "Manifesto della razza". Al posto di Arturo Donaggio e Edoardo Zavattari, i nuovi intestatari sono tre scienziati che si opposero e furono a loro volta vittime di discriminazioni razziali durante il fascismo: il medico Mario Carrara, la fisica Nella Mortara e alla zoologa Enrica Calabresi. A 'scoprire' le nuove targhe stamane la sindaca Virginia Raggi insieme alla presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche (Ucei) Noemi Di Segni. "E' una data storica per tutta l'Italia. Il nome di queste strade è stato cambiato grazie all'aiuto degli studenti che hanno individuato tre scienziati si rifiutarono di sottoscrivere il manifesto della razza e furono perseguitati per questa scelta coraggiosa", ha detto Raggi. A cui è arrivato il plauso anche del presidente della Camera Roberto Fico che, in un messaggio alla prima cittadina, ha parlato di un "atto di verità e giustizia. Non possiamo mai abbassare la guardia".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere
        Muoversi a Roma