Lite per cliente, Ncc investe tassista a Roma

Lo trascina per metri, entrambi rischiano la denuncia

   Una lite per una cliente tra un tassista e un conducente Ncc è degenerata la scorsa notte a Roma. Poco prima delle 3 una donna è salita a bordo di un'auto Ncc in Largo Argentina, nel cuore di Roma, dove c'erano alcuni taxi in sosta. Così è nata una discussione. Secondo quanto si è appreso, quando l'Ncc ha messo in moto un tassista si è aggrappato al cofano per non farlo partire, ma il conducente ha ingranato la marcia ed è andato via trascinandolo fino a via della Traspontina, a San Pietro. Durante la corsa ha dato l'allarme al 112. Sul posto la polizia, che indaga sulla vicenda, polizia municipale e 118. Il tassista è stato soccorso e portato in ospedale, ma non sarebbe in gravi condizioni. Entrambi sono stati identificati. La loro posizione è ora al vaglio. Rischiano la denuncia. 

Usb, in Far-West regole ci rimettono tutti - "Al di là delle responsabilità che verranno accertate, quello che è successo è il frutto di un clima esasperato. Non siamo più disposti a cedere e a farci sottrarre il lavoro e chiediamo che le istituzioni finalmente si attivino, perchè nel Far-West delle regole ci rimettono tutti". Così Riccardo Cacchione di Usb Taxi commenta la lite avvenuta la notte scorsa tra un tassista e un Ncc a Roma. "Da una parte - aggiunge - c'è chi vuole aprire selvaggiamente a chiunque il mercato, dall'altra il tira e molla del governo non tutela chi rispetta la normativa vigente sul trasporto pubblico. La nostra non è solo la difesa di una categoria di lavoratori ma è al tempo stesso la salvaguardia del servizio pubblico di trasporto e dell'utenza. E' assurdo che un lavoratore debba uscire di casa e mettere a rischio la propria vita per garantire quanto previsto dalla legge".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
ACLI
Muoversi a Roma