Pasto sospeso per migranti a Roma

Iniziativa a Casetta Rossa, al via con transitanti Baobab

(ANSA) - ROMA, 25 GEN - "Offri un pasto ad un migrante di passaggio per Roma o a chi non può permettersi di pagarlo".
    Questo il senso della campagna 'il Pasto Sospeso' lanciata dallo spazio Casetta Rossa a Garbatella. L'iniziativa sarà presentata giovedì 2 febbraio: lo scrittore Erri De Luca e Chef Rubio si cimenteranno assieme nella preparazione di un pranzo che verrà offerto a circa 20 transitanti del Baobab. Il nome 'Pasto Sospeso' prende spunto dalla tradizione del 'caffè sospeso' diffusa nei bar di Napoli: una persona beveva un solo caffè ma ne pagava due, per offrirlo a chi non poteva permettersi di pagarlo. "Ora questa usanza in tempi di crisi economica e occupazionale è tornata alla ribalta - si legge in una nota dei promotori - Il "Pasto Sospeso" consiste nella possibilità di offrire uno o più pasti, ognuno per il valore di 5 Euro, con donazione diretta presso Casetta Rossa o attraverso bonifico".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Muoversi a Roma