Libia: ex ostaggi interrogati da pm

Figlio Piano, "vogliamo verità su nostro padre"

(ANSA) - ROMA, 6 MAR - Gino Pollicardo e Filippo Calcagno, i due tecnici italiani liberati in Libia dopo un sequestro durato diversi mesi e rientrati all'alba di oggi a Roma, sono stati accompagnati nella caserma del Ros di Colle Salario dove - secondo quanto apprende l'ANSA - sono interrogati dai pm di Roma titolari dell'inchiesta sui fatti avvenuti in Libia. Il figlio di Fausto Piano, uno dei italiani uccisi in Libia, Stefano Piano, rompe intanto il silenzio della famiglia: "Ora aspettiamo solo il ritorno a casa del corpo di nostro padre. Lo Stato ci deve dire la verità sulla sua morte", ha dichiarato. Luisa Regimenti, presidente nazionale dei Medici legali italiani nominata come consulente dalla famiglia di Salvatore Failla, l'altro tecnico ucciso in circostanze da chiarire, assicura: "Scopriremo ogni discrepanza. Per noi non sarà un problema svolgere l'autopsia in Libia dei due tecnici della Bonatti. In Italia comunque abbiamo a disposizione gli strumenti tecnici per poter evidenziare qualsiasi tipo di anomalia".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Maurizio Serra Udito Farm

Udito Farm, ecco i migliori apparecchi acustici per vincere la sordità

Prevenire e scegliere dispositivi personalizzati: queste le chiavi per proteggere le nostre orecchie. A Roma un team di specialisti - coordinati dall'esperto audioprotesista Maurizio Serra - vi accompagnerà passo dopo passo.


Taffo Onoranze Funebri

«I funerali non sono tutti uguali», parola di Taffo

Una serie di servizi esclusivi: dalla consulenza legale, alla rateizzazione del rito funebre. A Roma, da Taffo, il cliente viene accolto con grande sensibilità. L'ultima frontiera del funeral service? La diamantificazione delle ceneri.


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Muoversi a Roma