Maternità surrogata: assolti genitori

Erano accusati di alterazione dello stato civile dei minori

(ANSA) - ROMA, 15 FEB - Accusati di aver alterato lo stato civile dei due gemelli nati in Ucraina con la maternità surrogata, due coniugi romani sono stati assolti oggi dai giudici della prima sezione del tribunale di piazzale Clodio perché il fatto non sussiste.
    La procura aveva contestato alla coppia di aver, nella formazione dell'atto di nascita presso il Comune di Roma, alterato lo stato civile dei due minori mediante false attestazioni. In particolare, di aver dichiarato presso l'ambasciata italiana di Kiev di essere i genitori naturali chiedendo la trasmissione degli atti al Campidoglio per la trascrizione nei registri dello stato civile mentre, in realtà, la donna non è la madre naturale dei minori stessi. La coppia è stata assistita da Ezio Menzione, avvocato del foro di Pisa ed uno dei maggiori esperti della materia che ha già patrocinato una ventina di casi simili quasi tutti conclusi con l'assoluzione dei genitori.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Muoversi a Roma