Morte scenografo Verso: ora maxiperizia

In primo grado condannato chirurgo e tre medici, due assolti

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Per far luce sulla morte di Alberto Verso, il famoso scenografo e costumista deceduto nel maggio 2007 nell'ospedale di Isernia, dove era ricoverato, per i postumi di un intervento chirurgico, sarà necessaria una maxiperizia. La decisione è dei giudici della I Corte d'assise d'appello di Roma,davanti ai quali sono sotto processo 6 medici, 4 dei quali condannati in primo grado. La prossima settimana sarà affidato l'incarico al professore Corrado Cipolla D'Abruzzo. Per la morte di Alberto Verso, il 17 luglio 2014 la III Corte d'assise condannò a dieci anni di reclusione per omicidio preterintenzionale il chirurgo Cristiano Huscher, a capo dell'equipe che operò Verso; tre anni per omicidio colposo aggravato dalla previsione dell'evento furono inflitti al cardiochirurgo e medico di fiducia dello scenografo, Mario Albertucci; due anni per omicidio colposo furono inflitti al radiologo interventista Filippo Maria Salvatori e al chirurgo Andrea Mingoli.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

null

Allart Center: la fiera permanente dei serramenti

Porte, finestre, infissi, elementi di arredo su misura, interni ed esterni: lo showroom di Roma è un’esposizione work in progress dei migliori brand


null

Alternatyva compie 10 anni e scommette sulla fibra ottica

L'azienda romana prepara offerte convergenti fisso-mobile Marco Carboni (CEO) “AlternatYva sta investendo in fibra ottica: non abbiamo aspettato Telecom Italia 10 anni fa e non aspetteremo Enel adesso”.


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Muoversi a Roma