Vaccini: Trieste, primi in Italia per obbligo, ok Parlamento

Comune, noi introdotto da gennaio 2017. Proteste? Solo minoranza

(ANSA) - TRIESTE, 5 SET - "Siamo stati il primo Comune in Italia a introdurre l'obbligo vaccinale per l'accesso ai nidi e alle scuole dell'infanzia di nostra competenza nel gennaio 2017. Il fatto che il Parlamento sia tornato indietro rispetto alle decisioni prese in Senato non può che farci piacere e conferma la bontà del nostro provvedimento". Lo dice all'ANSA l'assessore alla Scuola e all'Educazione del Comune di Trieste, Angela Brandi, "soddisfatta" per il fatto che la maggioranza parlamentare stia valutando una serie di emendamenti, presentati da diversi gruppi, che abroga dal decreto Milleproroghe il comma che rende non obbligatori i vaccini per i bambini di materne e asili. L'obbligo vaccinale nelle scuole comunali di Trieste era stato introdotto, ricorda Brandi, dall'Amministrazione (centrodestra) "quando i vaccini obbligatori erano quattro.
    C'erano state proteste e ancora oggi ci arrivano lettere di 'no vax', ma sono una minoranza, rumorosa, non consistente come chi invece ha gradito l'iniziativa".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Nuova Europa