Piastrina alpino disperso nel '43 era su mercato di internet

Acquistata da alpino di Udine, riconsegnata alla famiglia

(ANSA) - SALUZZO (CUNEO), 21 GEN - Era in vendita su Internet la piastrina di uno dei tanti alpini dispersi nel 1943, nella campagna di Russia,una strage per migliaia di penne nere. Era quella di Giuseppe Perotti, di Barge,nel Cuneese, classe 1921.
    Roberto Venturini, di Udine, anche lui alpino, ha trovato la sua piastrina di riconoscimento casualmente sul mercato dell'on line, l'ha comprata e l'ha consegnata al comune Cuneese da dove lui era partito. La medaglietta, dopo 73 anni, è ritornata alla famiglia di Perotti. Inquadrato nella ventunesima compagnia del battaglione Saluzzo, II Reggimento, è uno dei tanti dispersi durante la ritirata sul fronte del Don, quando, a fine gennaio del 1943, i russi sfondarono le linee italo-tedesche e diedero inizio al drammatico ripiegamento delle armate italiane.(ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Diego Maggio e Thea Keber - Accademia Cranio-Sacrale Trieste

I professionisti della Tecnica Cranio-Sacrale si formano da Trieste in tutta Italia

All’Upledger Italia - Accademia Cranio-Sacrale si sono formati fino a oggi 400 esperti della tecnica che arriva dall’Upledger Institute International – Usa, fondato dal dottor John E. Upledger


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Nuova Europa