Un box intelligente che riconosce i Lego

Startup ravennate GetCoo lancia raccolta fondi per la produzione

La tecnologia al servizio degli appassionati e collezionisti dei mattoncini Lego, che grazie ad una fotocamera digitale, montata su una 'box', potranno riconoscere in un secondo i codici identificativi dei pezzi mancanti e inviare gli ordini di acquisto alla casa madre danese. Si chiama Piqabrick il prototipo Made in Italy ideato dalla startup ravennate GetCoo, che fa parte della rete di 'Emiliaromagnastartup'. Per avviare la produzione su larga scala, GetCoo ha lanciato una raccolta fondi sulla piattaforma Kickstarter con il supporto di Kick-Er, il servizio di orientamento al crowdfunding gestito da Art-Er, la nuova società regionale per la crescita e l'innovazione. La startup ravvenate, che realizza software di computer vision basati su intelligenza artificiale, punta a raccogliere 55.000 euro entro il 23 novembre. A poco più di 2 settimane dal termine della campagna sono già stati raccolti 22mila euro.
   

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    Video ANSA


    Vai alla rubrica: Pianeta Camere
    Aeroporto di Bologna