Cyber-attacco ad azienda bolognese

Nel mirino Bonfiglioli Riduttori a giugno, hacker fermati

Pesante attacco informatico, con richiesta di 'riscatto' in Bitcoin, a inizio giugno a un'importante azienda bolognese. Lo ha rivelato oggi la stessa Bonfiglioli Riduttori, specializzata nella componentistica meccanica di precisione, vittima di un attacco di tipo 'ransomware', da virus che tengono in ostaggio dispositivi o dati chiedendo in cambio del 'rilascio' il pagamento di ingenti somme di denaro.

L'attacco a Bonfiglioli è stato sferrato a inizio giugno con un 'cryptolocker', un virus che ha criptato alcuni file chiave per l'azienda chiedendo, per renderli nuovamente accessibili, il pagamento di un riscatto di 350 Bitcoin, pari a circa 2.400.000 euro (un valore valido fino al 12 giugno e salito a 3.500.000 dopo l'annuncio di Libra, la moneta virtuale di Facebook). Una "bomba", secondo il presidente e amministratore delegato Sonia Bonfiglioli che, non cedendo al ricatto degli hacker ha avvertito la Polizia postale fermando l'attacco "grazie a immediate azioni di bonifica".

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere
      Aeroporto di Bologna