Sparò a ladri, Cassazione conferma pena

A 4 anni e 6 mesi. Ferì uno della banda entrata nel suo cantiere

E' stata confermata dalla Corte di Cassazione la condanna per tentato omicidio nei confronti di un imprenditore piacentino - imputato per tentato omicidio - che, la notte del 6 ottobre del 2011, sparò con un fucile a una banda di ladri romeni dentro il suo cantiere. Dei tre romeni, che stavano rubando gasolio, uno venne ferito molto gravemente. L'imprenditore, Angelo Peveri, raccontò ai Carabinieri del Nucleo investigativo, allora comandati dal capitano Rocco Papaleo, di essere esasperato dai continui furti che stava subendo in quel periodo.
    La Suprema Corte ha confermato la condanna di 4 anni e 6 mesi di reclusione, nonostante il Procuratore Generale della Cassazione avesse chiesto di accogliere il ricorso della difesa dell'avocato Paolo Fiori del Foro di Piacenza e di rinviare nuovamente alla corte di Appello per un nuovo esame.
    L'imprenditore rischia ora di essere arrestato e il carcere.
 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Aeroporto di Bologna