Associazione italiana sommelier Lazio, nuova sede e 30 corsi

Presidente Mosetti, calendario ricco e focus 50 anni Ais

Redazione ANSA ROMA

 - ROMA - Una nuova sede, 30 corsi di qualificazione professionale sui vari livelli in partenza in tutta la Regione, due master tematici (Nebbiolo e Champagne) e numerosi appuntamenti dedicati alla diffusione di una corretta cultura enologica, in nome della passione e della conoscenza del vino. Sono solo alcune delle novità dell'anno sociale 2015-2016 di AIS Lazio (Associazione Italiana Sommelier Lazio), inaugurato ieri a Roma dal presidente Angelica Mosetti alla presenza del presidente AIS Nazionale Antonello Maietta.

"Siamo pronti a vivere una stagione importante nel segno della stabilità e della qualità, dell'impegno e soprattutto dell'amore per il nostro lavoro. Con questo spirito festeggeremo i 50 anni di AIS nazionale e organizzeremo tanti eventi e appuntamenti che riempiranno il nostro calendario e, così, la nostra vita associativa" - ha dichiarato il presidente Mosetti al taglio del nastro della nuovaa sede, l'A.Roma Lifestyle Hotel. All'evento di inaugurazione erano presenti, con i loro banchi degustazione, le aziende finaliste e vincitrici del concorso regionale "Filari di Bolle", organizzato da Associazione Italiana Sommelier - Casarsa della Delizia Città del Vino - Regione Friuli Venezia Giulia. La serata è stata conclusa dalla cerimonia di consegna degli attestati dei corsi di qualificazione professionale dello scorso anno e la nomina del nuovo responsabile della delegazione di Roma, Danilo Jesus Giglio. Le otto delegazioni regionali di Ais Lazio stanno scaldando i motori per i corsi di qualificazione professionale rivolti agli aspiranti sommelier e a coloro che desiderano arricchire il proprio bagaglio culturale eno-gastronomico. Già da ottobre partiranno le lezioni del secondo e del terzo livello, mentre a novembre sono previsti i primi incontri con i neofiti del primo livello. Sempre a novembre prenderanno il via il master sul Nebbiolo a cura di Armando Castagno e quello sullo Champagne a cura di Roberto Bellini, ambasciatore dello Champagne in Italia. Tutte le informazioni sul sito www.aislazio.it.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
ChiudiCondividi