A Civitella Alfedena la festa della 'Scurpella"

E' un fritto composto da ingredienti semplici e ciò che desta più curiosità è la sua elaborata preparazione totalmente fatta a mano

Redazione ANSA

Tutto ha inizio alle quattro di notte quando dalle abili mani degli abitanti di Civitella Alfedena (L’Aquila) si inizia a lavorare sapientemente la pasta. Poi il “rito” dello “sbattuto” e quindi la Festa della “Scurpella” può iniziare. Così prende vita uno degli eventi più sentiti da tutti i civitellesi e dai tanti turisti che in questi giorni stanno villeggiando nel grazioso borgo del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise. La Scurpella è il fritto della tradizione civitellese, il quale viene preparato nei giorni di ricorrenza della vita come la nascita, il fidanzamento oppure il matrimonio.

La sua forma ha un duplice augurio: fortuna e prosperità. E' un fritto composto da ingredienti semplici e ciò che desta più curiosità è la sua elaborata preparazione totalmente fatta a mano. Infatti l'impasto va sollevato e “sbattuto” all'interno della “msella” di legno (spianatoia con bordi alti), per più di 45 minuti, per far si che l'impasto prenda aria e si asciughi attraverso vari passaggi diversi tra loro, che possono essere svolti solo ed esclusivamente da due persone poste ai lati della spianatoia. La Festa della Scurpella nasce grazie alla passione e alla dedizione delle donne e degli uomini civitellesi i quali, desiderosi di trasmettere il loro sapere alle generazioni future, si radunano con i più giovani nel pieno della notte per preparare tutti insieme questo fritto.

La festa, seguita da una folla di turisti e da tutti gli abitanti, è stata accompagnata dal corteo delle donne in costume tipico civitellese, ognuno rigorosamente cucito a mano, e da balli e musica popolare abruzzese. Questa festa, sentita da tutto il paese, riesce a proiettare ogni anno Civitella Alfedena e i suoi turisti, in un ambiente lontano dal caos dalla quotidianità e vicino, invece, alla vita rurale di tanto tempo fa. Un tuffo nel passato che a Civitella Alfedena diventa una tradizione da tramandare al futuro.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA