Una tazzina nello spazio per la Giornata mondiale del caffè

Si festeggia in 77 Paesi e, con Nespoli, anche sulla ISS

Redazione ANSA ROMA

Anche se l'International Coffee Day, la giornata mondiale dedicata alla bevanda più popolare nel mondo dopo l'acqua, è domani, i festeggiamenti sono cominciati già venerdì nei 77 Paesi che aderiscono all'Ico (International Coffee Organizzation). E anche in orbita terrestre, grazie a Paolo Nespoli sulla Stazione spaziale internazionale. Astropaolo ha twittato stamattina le foto prese mentre beveva il suo espresso a 400 km di distanza dalla Terra, fatto in condizioni di microgravità nella speciale tazzina a sacca di plastica dalla macchinetta ISSpresso frutto della collaborazione tra Agenzia spaziale italiana, Argotec e Lavazza. L'ISSpresso, piccolo gioiello tecnologico studiato per replicare l'aroma dell'espresso in orbita, è stata portata sulla stazione da Samatha Cristoforetti, che vanta il primato di aver bevuto il primo espresso nello spazio, ma continua a funzionare perfettamente e grazie a un accordo con la Nasa, resterà permanentemente attiva in orbita. "Normalmente non bevo molto caffè - ha scritto nel tweet di oggi Astropaolo - ma quanto lo faccio è in nome della scienza per capire come funzionano i fluidi qui". Sulla Terra, invece, il caffè è un'esigenza quasi quotidiana e talvolta irrinunciabile per milioni di persone e nel mondo ogni giorno se ne consumano quasi due miliardi di tazze preparate in tutte le più svariate modalità. Quelli che bevono più caffè in assoluto sono i finlandesi che arrivano a consumarne fino a 12 kg l'anno, secondo i dati dell'Ico (che rappresenta il 97% della produzione mondiale del caffè e l'80% del consumo), seguiti da norvegesi (9,9 kg), islandesi (9 kg) e danesi (8,7). L'Italia con 5,8 kg procapite l'anno è solo 13ma in classifica, ma è comunque davanti a Brasile (5,5) e Stati Uniti (4,4). 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA