Clima: nel 2030-40 reddito aziende agricole fino a -13%

Convegno Mipaaf, migliorare dialogo ricerca, imprese e politica

Redazione ANSA ROMA
(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il cambiamento climatico fra il 2030 e il 2040 aumenterà la probabilità di danni da ondate di calore dal 5% del 1990 sino al 49,5%, provocando una riduzione del reddito netto medio per alcune tipologie di aziende agricole-zootecniche tra il 5% e il 13%, superiore ai margini economici di sostenibilità dell'impresa. Per cui è necessario, in particolare, "migliorare l'interconnessione tra ricerca, imprese agricole e politica che vadano tutte nella stessa direzione". E' quanto emerso dal convegno "Agricoltura e cambiamenti climatici: sfide e opportunità" organizzato dal Nucleo di Ricerca per la Desertificazione dell'Università di Sassari presso il ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali, a Roma.

E se i dati del 2017 parlano dell'anno più secco degli ultimi due secoli con danni stimati pari a circa 2 miliardi di euro gran parte dovuti alla siccità, solo in ottobre sono mancati in Italia 19 miliardi di metri cubi di acqua piovana, Pier Paolo Roggero, professore del Dipartimento di Agraria dell'Università di Sassari ricorda che "l'impatto del cambiamento climatico in agricoltura non può essere facilmente generalizzato. Alcune produzioni - spiega - sono calate (mais in pianura padana) altre migliorate in qualità e diminuite in quantità (uva da vino), altre migliorate in qualità e quantità (olivo da olio in Sardegna). In ogni situazione c'è chi vince e chi perde. Ma complessivamente il sistema perde, soprattutto quando c'e' una forte specializzazione delle produzioni in pochi distretti". Per Roggero "mancano interventi strutturali da parte degli agricoltori e per questo dobbiamo aiutarli con strumenti tecnologici e modellistici previsionali nuovi".(SEGUE).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA