Fao: programma anti-fame in Afghanistan da 9,5mln di dollari

Fondo Umanitario a sostegno degli agricoltori del paese

Redazione ANSA ROMA
(ANSA) - ROMA, 19 NOV - Maggiore sostegno agli agricoltori afgani colpiti da conflitti e calamità naturali con il nuovo programma della Fao finanziato per 9,5 milioni di dollari dal Fondo Umanitario per l'Afghanistan. Un paese dove oltre 10 milioni persone stanno affrontando una grave fase di insicurezza alimentare e necessitano di assistenza umanitaria urgente.

Il nuovo programma prevede di aumentare le capacità di resilienza alle crisi future di oltre 660 mila persone, pari a circa 100 mila famiglie, i cui mezzi di sussistenza sono stati colpiti da conflitti e calamità naturali, fornendo varietà migliorate e certificate di sementi di grano, fertilizzanti e formazione sulle migliori pratiche agricole. Questo consentirà alle famiglie di coltivare grano su circa mezzo ettaro di terreno nel corso della prossima stagione, consentendo di raccoglierne oltre 900 kg, sufficienti a coprire il fabbisogno domestico per un anno e creare qualche riserva. In totale si prevede che nel 2020 le distribuzioni della Fao in collaborazione con il Fondo dovrebbero generare una produzione lorda di grano pari a 113.200 tonnellate. I mezzi di sussistenza di circa il 70% degli afghani, fa sapere la Fao, dipendono dall'agricoltura, settore fondamentale per la sicurezza alimentare e la lotta alla povertà. Allo stesso tempo, il 67,5% degli agricoltori è composta da piccoli agricoltori che lavorano in appezzamenti di terreno che non superano un ettaro e mezzo. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA