World Milk Day, svelate le fake news sul latte

Cremona capitale filiera, lo celebra smascherando falsi miti

Redazione ANSA CREMONA
(ANSA) - CREMONA, 31 MAG - La capitale italiana della filiera latte, Cremona, celebra la Giornata Mondiale istituita dalla Fao tra 'Storia Sentimentale' e smentita di fake news. Istituita nel 2001, la Giornata mondiale del latte si celebra il primo giugno di ogni anno in tutto il mondo e offre l'opportunità di concentrare l'attenzione sul latte e la sua industria per informare correttamente i consumatori. Il World Milk Day 2019 è l'occasione per Fiere Zootecniche Internazionali di diffondere informazioni utili ai cittadini con la conferenza-spettacolo 'Storia Sentimentale del latte: non c'è sapore senza sapere' di Antonio Pascale, saggista, scrittore e ispettore del ministero delle Politiche agricole. Un'occasione per sfatare vecchie e nuove false credenze. Per questo l'Unione Nazionale Consumatori, in collaborazione con Assolatte, ha realizzato una "Guida per sfatare false credenze". Una delle più diffuse fake news è quella secondo cui "bevendo latte si ingeriscono sostanze inquinanti", ma latte, yogurt, formaggi e burro sono assolutamente sicuri e salubri perché soggetti a rigide prescrizioni e a costanti verifiche lungo tutto il processo di lavorazione. Le aziende controllano tutte le fasi della produzione. L'uso di ormoni è vietato in Italia e in tutta Europa, mentre per gli antibiotici - utilizzati solo quando indispensabili per curare gli animali malati - esistono precise regole di impiego e di sospensione.

Altra fake news molto diffusa: "Il latte magro contiene meno calcio e provoca tumori". "È vero il contrario - spiega Marcello Ticca, specialista in Scienza della Alimentazione alla Sapienza -. Ed è falso anche che il latte crudo sarebbe molto più ricco di quello pastorizzato e che il latte non andrebbe bevuto dagli adulti anche perché faciliterebbe la comparsa di alcuni tumori.

Si tratta di allarmismi e dati mal interpretati, infatti ampi studi dimostrano invece un effetto protettivo del latte e dei latticini, in particolare per i tumori del colon-retto e del seno)". Infine è falso che "bere latte da adulti è innaturale".

L'uomo beve latte animale da almeno 10mila anni: questo lo rende un alimento naturalmente presente nella dieta umana e parte integrante dell'evoluzione dell'uomo, che ha così avuto a disposizione un alimento ricco di nutrienti facilmente assimilabili. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA