Pescatori in rivolta contro norme Ue, troppo restrittive

Da dimensione reti a sanzioni. Si apre anche caso della vongola

Redazione ANSA Manifestazione ad alta tension

(ANSA) - Manifestazione ad alta tensione per i pescatori delle marinerie pugliesi che oggi sono scesi sul lungomare di Bari per protestare contro le leggi comunitarie che impongono l'uso di reti più larghe che fanno perdere il 50% del pescato e non solo. Un corteo dove non sono mancati incidenti con lanci di petardi, che evidenzia il malessere e la preoccupazione di tutto il settore che chiede da anni di modificare le leggi europee, in particolare il Regolamento Mediterraneo, entrato in vigore nel 2010. Una norma che, salvo deroghe, ha imposto nuove regole non solo per la dimensione delle maglie, ma anche il divieto di pesca entro le 0,3 miglia dalla costa e un giro di vite per la pesca a strascico.

Nel mirino dei pescatori pugliesi ci sono anche la licenza a punti e le sanzioni sul pescato sottotaglia. Un problema, questo, che riguarda anche le vongole che solamente nel mare Adriatico possono essere pescate con una dimensione inferiore ai 25 millimetri. Questo, grazie ad una deroga ottenuta nel 2017 dopo una lunga protesta dei pescatori di Venezia e Chioggia.

Esenzione che non sta bene ai pescatori spagnoli, grandi produttori europei del mollusco insieme agli italiani, che promettono battaglia.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA