Progetto nocciole Ferrero, accordo con coop. Montesanto

Il progetto coinvolge 20 soci e 120 ettari di terreno Marche

Redazione ANSA POTENZA PICENA (MACERATA)

POTENZA PICENA (MACERATA) - Sbarca nelle Marche la Ferrero con il Progetto Nocciola Italia: siglato il contratto di filiera con la Cooperativa Agricola Montesanto (20 soci) di Potenza Picena per la realizzazione di un centro di aggregazione e raccolta: in una prima fase mira a coprire tutta l'area centro meridionale della regione, per poi potenzialmente arrivare a estendersi anche nell'area nord delle Marche nei prossimi anni. Complessivamente, 120 gli ettari di terreno che saranno coltivati a noccioleti tra le provincie di Macerata, Ascoli, Fermo e Ancona.

È stato stipulato un contratto con la Ferrero che si impegna ad acquistare fino al 2037 il 75% della produzione a un prezzo minimo garantito basato sui costi di produzione e che sarà rivisto ogni tre anni. Il Progetto Nocciola Italia, promosso dalla Ferrero Halzelnut Company, la divisione interna del Gruppo Ferrero interamente dedicata alla nocciola, mira a sviluppare una produzione corilicola al 100% italiana. L'Italia rappresenta oggi il secondo fornitore a livello mondiale con una quota di mercato tra il 10-15%, mentre la Turchia è al primo con 70% circa. "Grazie alla scarsa manodopera necessaria e alla lunga durata dell'impianto, il noccioleto garantisce prospettive di reddito certe - rilevano Ferrero e Montesanto -. Pensiamo che la regione Marche bene si presti in molte aree alla coltivazione delle nocciole come dimostrano i primi appezzamenti piantati in zona negli scorsi anni e soprattutto lo conferma la presenza sul territorio collinare e di prima montagna di vaste aree coperte da alberi di nocciolo selvatico che storicamente risultano essere produttivi".(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA