La movida dà lavoro, crescono gli occupati del 3% in un anno

In Italia +11% in 5 anni, in Lombardia + 16%

Redazione ANSA MILANO
(ANSA) - MILANO, 23 AGO - La movida non solo diverte ma dà anche lavoro. Secondo un'elaborazione della Camera di Commercio di Milano Monza Brianza e Lodi, infatti, negli ultimi cinque anni gli occupati nel settore che va dalla ristorazione, al cinema, passando per alberghi, sport ed eventi sono aumentati dell'11% (circa 3 milioni di occupati in tutto) in 5 anni, del 3% rispetto al 2018, anche se il numero di imprese ha avuto poca variazione. In Lombardia la crescita è stata del 16% con 559 mila addetti e a Milano del 23%. D'altronde sul giro d'affari del settore, che è di poco meno di 150 miliardi di euro, un terzo circa (42 mld) è realizzato in Lombardia, 31 miliardi nella sola Milano, prima assoluta a livello nazionale dove è seguita da Roma con 27 miliardi. Le imprese in Italia sono 993 mila., 120 mila in Lombardia. "In Lombardia - ha sottolineato Valeria Gerli della Camera di Commercio - i settori legati alla movida possono contare su 120 mila imprese tra ristorazione, commercio e intrattenimento. Si tratta di un fenomeno importante trainato soprattutto dalle attività legate al divertimento e allo sport, con Milano che da sola rappresenta più di un terzo del totale e traina la crescita del comparto". "Bisogna continuare - ha aggiunto - a puntare sulla qualità e sulla varietà dell'offerta, valorizzando il territorio lombardo anche grazie alla capacità attrattiva dei grandi eventi. Bisogna mettere in luce l'offerta tradizionale già presente offrendo esperienze molteplici e personalizzate".

Tra i settori più numerosi: commercio (a Milano 18 mila imprese, 53 mila in Lombardia e 472 mila in Italia), bar e ristoranti (18 mila a Milano, 51 mila in Lombardia e 336 mila in Italia), attività di intrattenimento specializzate (2 mila a Milano, 6 mila in Lombardia, 44 mila in Italia). Poi ci sono le imprese legate a cinema e musica, 1429 a Milano, 2093 in Lombardia e 11 mila in Italia. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA