Rifinanziato il Fondo dei farmaci oncologici, 500 milioni l'anno

Sileri, per 2021-23. Confermato anche Fondo farmaci innovativi

Redazione ANSA ROMA

"Verrà rinnovato il Fondo per i farmaci oncologici per il triennio 2021-2023: sarà pari a 500 milioni di euro per ogni annualità". Lo ha annunciato il viceministro alla Salute, Pierpaolo Sileri, intervenendo al XXI Congresso nazionale dell'Associazione italiana di oncologia medica (Aiom). Sileri ha annunciato che sarà anche rifinanziato, nell'ambito della manovra, il Fondo per i farmaci innovativi.
    Anche quest'ultimo sarà pari a 500 milioni di euro per ciascun anno del triennio 2021-2023. 

"Non possiamo rimanere indietro nel trattamento dei pazienti oncologici - ha affermato Sileri - e per il futuro sarà necessario incrementare tale Fondo. Non ora - ha precisato il viceministro - ma in futuro e grazie ai virtuosismi che si genereranno nel sistema". Rispetto poi alla questione dell'aumento della spesa per i farmaci, Sileri ha sottolineato come sia "necessario un maggiore coinvolgimento di tutti gli attori del sistema". Così, ha sottolineato, "all'interno dei processi decisionali dell'Agenzia italiana del farmaco Aifa, ad esempio, è necessario che entrino portando il loto contributo anche le società scientifiche". Secondo Sileri, inoltre, altrettanto "fondamentale è che i risparmi derivati vengano reinvestiti sempre nella Sanità e nello stesso ambito dove il risparmio si è realizzato". Indubbiamente, ha sottolineato, "la spesa per i farmaci oncologici è in continua crescita, ed è passata da 3.3 miliardi a 5,6 miliardi di euro in pochi anni; questo - ha avvertito - può portare il sistema al default se non si mettono dei paletti". Allo stesso tempo però, ha concluso, "è importante anche che il sistema venga snellito nelle procedure e che ci sia una vigilanza dello Stato sulle Regioni per assicurare l'accesso ai farmaci a tutti i cittadini, impedendo diseguaglianze sul territorio".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA