Morbillo: Oms, Europa arretra e 4 Paesi non sono più 'free'

Sono Albania, Repubblica Ceca, Grecia e Regno Unito

Redazione ANSA ROMA

 - L'Europa "perde terreno nella battaglia per eradicare il morbillo". Dopo diversi anni di "costante progresso" verso l'eliminazione del virus nella regione europea, "il numero di Paesi che ha raggiunto l'eliminazione della malattia è diminuito". Quattro Paesi infatti hanno perso lo Status di 'morbillo-free'. Questa la conclusione della Commissione europea di verifica regionale per l'eliminazione del morbillo e della rosolia (RVC).
    L'analisi della Commissione è basata sui dati del 2018 relativi a 53 Stati membri della Regione europea. In base ai risultati, i 4 Paesi che hanno perso lo status di measles-free, ovvero 'liberi dal morbillo': Albania, Repubblica Ceca, Grecia e Regno Unito. A certificare la "drastica ripresa" della circolazione sono gli ultimi dati dell'Oms, diffusi due settimane fa: il numero di casi di morbillo in Europa da gennaio a giugno 2019 è stato circa 90.000, il doppio di quello riportato per lo stesso periodo nel 2018, e la metà si è verificata in Ucraina, seguita da Kazakistan e Georgia.
    Nel 2017 circa 110.000 persone sono morte di morbillo in tutto il mondo, per lo più bambini di età inferiore ai 5 anni.
    La malattia, tra le più infettive, si diffonde principalmente attraverso tosse e starnuti ma è prevenibile con due dosi di vaccino. "Se un'elevata copertura immunitaria non viene raggiunta e sostenuta, sia i bambini che gli adulti soffriranno inutilmente e alcuni moriranno tragicamente", ha dichiarato Guenter Pfaff, presidente del comitato di esperti dell'Oms sul morbillo in Europa. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA