A Cattaneo il premio Evidence 2018 dalla fondazione Gimbe

Per l'impegno a favore della ricerca

Redazione ANSA ROMA

a Fondazione GIMBE, in occasione Conferenza Nazionale, assegna ogni anno il Premio Evidence a una personalità del mondo scientifico o sanitario che si è distinta per la pubblicazione di rilevanti evidenze scientifiche, per l'integrazione delle migliori evidenze nelle decisioni professionali, manageriali o di politica sanitaria, per l'insegnamento dell'Evidence-based Practice. Il Premio Evidence 2018 è stato conferito a Elena Cattaneo - professoressa presso l'Università degli Studi di Milano e Senatrice a vita - per il ''suo continuo impegno a sostenere l'inderogabile necessità di un Sistema Ricerca Italia, adeguatamente finanziato, gestito in maniera trasparente e basato sulla meritocrazia.
    ''Oltre a riconoscere la rilevante attività scientifica di Elena Cattaneo che ha posto pietre miliari nel settore delle cellule staminali e delle malattie neurodegenerative - ha affermato Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione GIMBE - abbiamo premiato la sua continua opera di sensibilizzazione pubblica sulla necessità di contrastare l'analfabetismo scientifico e la sua ferma convinzione che per tutelare la salute delle persone bisogna educare la politica alla scienza''. Sulla mancanza di una strategia organica d'investimento di medio-lungo periodo e della volontà politica di strutturarla prescindendo da interessi contingenti, pronti a mutare all'alternarsi dei Governi, la professoressa ha spesso puntato il dito verso la cronica incapacità di amministrare la ricerca. La Senatrice ha ricordato che ''qualunque scienziato o membro di un'Istituzione chiamato a gestire finanziamenti pubblici deve attenersi a un inderogabile principio di moralità da intendersi come garanzia dell'uso corretto, efficiente e verificabile delle risorse pubbliche. Per raggiungere questo obiettivo - ha concluso Elena Cattaneo - non è più accettabile che un singolo euro pubblico venga assegnato senza un bando competitivo''. 
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: