Malaria, tbc e hiv: obiettivo vaccini ancora lontano

Studio Usa, se non si triplicano i fondi per la ricerca

Redazione ANSA ROMA

E' improbabile che nell'immediato futuro i vaccini contro hiv, malaria e tubercolosi - i principali killer dei paesi poveri - diventino realtà e vengano prodotti, a meno che non si triplichino i fondi investiti a livello mondiale per la ricerca in questo campo. A dirlo è uno studio finanziato dalla Bill and Melissa Gates Foundation e l'Agenzia svizzera per lo sviluppo, pubblicato su Gates Open research (piattaforma open-access della Fondazione Gates per la pubblicazione rapida degli studi).

La ricerca, coordinata dal Duke Global Health Institute di Durham, ha valutato 538 prodotti in fase di sviluppo per 35 malattie che colpiscono i paesi poveri. Ha così concluso che sono fuori portata anche altri obiettivi, come il vaccino contro l'epatite C, quello combinato contro le principali cause di diarrea letale, una cura per la tubercolosi e nuove terapie per una dozzina di malattie neglette, tra cui lebbra, dengue e malattia del sonno.

Per avere dei veri progressi contro queste malattie entro il 2030, dicono i ricercatori, la spesa per la ricerca a livello mondiale dovrebbe arrivare a circa 9 miliardi l'anno, contro gli attuali 3 miliardi spesi attualmente. Secondo lo studio, nei prossimi 12 anni è probabile che vengano approvati 125 nuovi prodotti, di cui oltre la metà sono nuovi test diagnostici, vaccini contro il tifo e lo stafilococco, una migliore combinazione dei farmaci esistenti per malaria, tbc ed epatite C, e migliori farmaci per l'influenza.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: