Società & Diritti

Temi Lgbt, meno news ma più serie tv

I risultati del report annuale Diversity Media

Diversity Media Report, infografica © Ansa

 Terminato l'iter di approvazione della legge Cirinnà sulle unioni civili, nel 2017 si è ridotta l'attenzione dell'informazione televisiva per le tematiche relative al mondo della comunità e delle persone Lgbt. Su un totale di 50.803 notizie registrate nei tg nazionali nell'edizione serale nel 2017, solo 291 hanno riguardato eventi o persone Lgbt, si tratta dello 0,6 per cento. Mentre nel 2016 il dato aveva toccato il 2,1 per cento. È quanto emerge dal Diversity Media Report, curato dall'associazione Diversity di Francesca Vecchioni con l'Osservatorio di Pavia, e presentato in occasione dei Diversity Media Award il 23 maggio a Milano. L'attenzione prevalente è stata sui fatti di criminalità e violenza in cui le persone Lgbt sono state incidentalmente coinvolte. Come il duplice stupro di Rimini, che ha visto tra le vittime una transessuale di origini peruviane: il fatto di cronaca, con 120 notizie dedicate, è stata la notizia dominante nell'agenda Lgbt del 2017. Il 45 per cento delle notizie relative a questo mondo riguarda insomma fatti di criminalità e violenza, seguono con il 14,8 per cento gli episodi di discriminazione e al terzo posto le notizie relative al matrimonio o alle unioni civili (10%).
    La politica ha perso il primato di fonte principale di notizie sul mondo Lgbt, passando dal picco del 48,7 per cento del 2016 (anno delle unioni civili) al 14,1 per cento del 2017.
    Raddoppia invece l'incidenza della società civile salita all'11,7 per cento. piccano alcune good news relative a personaggi politici come “Ana Brnabić premier, prima donna lesbica dichiarata al governo serbo”, “Irlanda, il nuovo premier Leo Varadkar, dichiaratamente omosessuale”, “Il premier del Lussemburgo Xavier Bettel al G7 di Taormina con il marito”.

Crescono anche le notizie da fonte mediatica: cioè i servizi che presentano produzioni, soprattutto cinematografiche, che raccontano storie anche di persone Lgbt, da Moonlight, vincitore di tre premi Oscar, al nostrano Chi salverà le rose.
    Sul fronte dell'intrattenimento, dal punto di vista quantitativo, il numero dei contenuti Lgbt è in netto aumento nel 2017 (+246%). Con un significativo incremento nelle serie tv italiane: nel 21,7 per cento dei prodotti analizzati infatti si riscontra la tematica Lgbt, mentre si "denota un cambiamento nel paradigma delle narrazioni seriali anche in contesti non scontati - come sottolinea l'Osservatorio di Pavia - da Gomorra, a Suburra". Anche il cinema nel 2017 ha fatto segnare un aumento delle tematiche 'rainbow': come la questione della genitorialità (Il padre d'Italia, Nove lune e mezza), l'omosessualità legata al tema dell'età (Chi salverà le rose?), la rappresentazione transgender (La parrucchiera). Il numero dei contenuti Lgbt nei programmi televisivi è invece in calo (-3,6% dallo scorso anno) e l'Osservatorio di Pavia segnala come causa probabile lo sgonfiamento del dibattito politico seguito all'approvazione della Cirinnà. Tendenza positiva per il mondo della pubblicità, un numero crescente di aziende punta sui temi della diversità, tanto che nel 2017 un marchio di abbigliamento italiano ha coinvolto nella sua campagna un'icona trans come Vladimir Luxuria.
   

  • di Michela Nana
  • 18 aprile 2018
  • 22:57

Condividi la notizia