Beauty & Fitness

Arte e innovazione a Tokyo apre un negozio solo di bombe da bagno

Realtà aumentata e intelligenza artificiale nel concept store di Lush

Lush Harajuku a Tokyo, un concept store solo di bombe da bagno © ANSA

Zero packaging, in linea con la tendenza più ecologista del momento (i negozi solo di dispenser sono in grande diffusione nel mondo) , ma anche iper tecnologico come il paese che lo ospita: a Tokyo è stato inaugurato un concept store di Lush, brand etico di cosmetici freschi e fatti a mano, solo ed unicamente di 'bombe da bagno'. Un negozio a grande richiesta visto che i giovani giapponesi di questo oggetto sono appassionati e adorano 'instagramarlo': addirittura esistono delle applicazioni apposite create dal brand

Le bombe da bagno sono nate nel 1989 dall’idea rivoluzionaria di Mo Constantine, Co-founder di Lush, e dal desiderio di trasformare il momento del bagno in una coccola pregiata, un’immersione in grado di unire detersione e relax. Il testimone è ora passato al figlio Jack Constantine, che raccoglie l’eredità della madre sviluppando bombe da bagno sempre più complesse, stratificate e multicolori, alla ricerca di effetti sempre nuovi e spettacolari per la pelle e per i sensi. A partire da questa costante ricerca è nata una nuova generazione di bombe da bagno esuberanti e caleidoscopiche, un classico reinterpretato in chiave moderna e visuale capace di trasformare ogni bagno in una vera e propria opera di #BathArt.

Il nuovo Lush Harajuku a Tokyo si presenta come il tempio delle bombe da bagno del futuro, il primo store al mondo dove arte e sperimentazione si incontrano e si fondono con il digitale, per creare un’esperienza unica e rivoluzionaria nell'ambito del progetto #LushLabs.

Esistono già due concept store dedicati ai prodotti naked, privi quindi di qualsiasi forma di packaging, aperti a Milano lo scorso giugno e a Berlino lo scorso ottobre, quello di Tokyo è il terzo ma monotematico, dedicati al prodotto iconico che con frizzii, colori e un inconfondibile profumo trasforma ogni vasca da bagno in un’opera d’arte. La vera sfida lanciata dal brand si incentra sull’inedita esperienza di acquisto: realtà aumentata e intelligenza artificiale diventano  protagoniste: all’interno dello store non sono presenti lavagnette descrittive relative ai prodotti, e non vengono realizzate dimostrazioni in acqua per mostrare gli accattivanti effetti multicolore di ogni bomba da bagno come accade in genere ma i clienti vengono invitati a scaricare la nuova applicazione #LushLabs per trasformare il proprio telefono in uno strumento di esplorazione e scoperta: attraverso la scansione di ogni bomba da bagno è infatti possibile scoprire quali sono i suoi ingredienti, le informazioni relative al prodotto e ammirare gli spettacolari effetti della bomba in azione, senza utilizzare una sola goccia d’acqua. L’applicazione permette infine di giocare con delle speciali bombe da bagno, trasformate in simpatici personaggi 3D, gli Harajuku Friends Lush: ogni bomba da bagno potrà essere controllata direttamente dall’utente, che potrà far ballare, cambiare espressione o scattare una fotografia insieme a questo nuovo amico virtuale. E ovviamente postarla su Instagram.

Con questo progetto il marchio inglese, nato nel 1995, tra gli apripista di prodotti beauty cruelty free, etici, ecologici, prosegue anche sul piano dell'innovazione e quest'anno festeggia in Italia il 20/mo anniversario.

  • Redazione ANSA
  • 25 novembre 2018
  • 11:34

Condividi la notizia