Detenzione arma, preso econsigliere

Si tratta dell'imprenditore Damiano Genovese

(ANSA) - AVELLINO, 23 SET - Possesso di arma e ricettazione aggravata. Con queste accuse è finito in carcere Damiano Genovese, 36 anni, già consigliere comunale di Avellino e figlio di Amedeo Genovese, considerato il capo del Clan del Partenio, che sta scontando la condanna all'ergastolo.
    L'arma, una pistola semi automatica calibro 7,65, insieme al caricatore e ad otto cartucce, è stata scoperta dai carabinieri del Comando provinciale di Avellino nascosta all'interno di un armadio nella abitazione di Genovese. Altre pallottole erano state occultate in un calzino. Genovese, imprenditore, è stato trasferito nel carcere avellinese di Bellizzi. Le indagini dei carabinieri hanno accertato che l'arma era stata rubata in un'abitazione di Avellino nel 2015.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Universiade 2019
       (ANSA)

      Basile, opere ultimate entro 31/12

      Commissario in commissione:non spesi 10 mln,restituiti a Regione


       (ANSA)

      Ecco il film documentario su Napoli 2019

      Mercoledì 2 ottobre proiezione in anteprima per la stampa


       (ANSA)

      De Luca, destineremo arredi per milioni

      Dopo kit alla Protezione Civile, altro materiale da riutilizzare