Omicidio Cesarano,confermati 3 ergastoli

Padre vittima, 'si sentivano impunibili,sentenza è per la città'

(ANSA) - NAPOLI, 11 LUG - La IV Corte di Assise di Appello di Napoli (Vescia presidente, Ciocia giudice a latere) ha confermato tre delle quattro condanne all'ergastolo emesse in primo grado nei confronti di Luigi Cutarelli, Ciro Perfetto e Antonio Buono, imputati per l'omicidio del giovane Genny Cesarano, vittima di una 'stesa' (raid intimidatorio della camorra finalizzato al controllo del territorio) in piazza Sanità, il 6 settembre 2015. Ridotta la pena, dall'ergastolo a 16 anni, per Mariano Torre, in virtù dello sconto di pena previsto per i collaboratori di giustizia. Confermati anchei 16 anni di reclusione inflitti in primo grado al boss Carlo Lo Russo, mandante del raid, anche lui collaboratore di giustizia. Il verdetto in primo grado è stato emesso dal gup Alberto Vecchione, il 6 dicembre 2017 al termine del processo con rito abbreviato. "È una sentenza che deve rappresentare un esempio per la città - ha commentato Antonio Cesarano, papà di Genny - non dobbiamo dimenticare che dopo mio figlio ci sono state altre vittime".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Universiade 2019
         (ANSA)

        Napoli 2019, i numeri di un successo

        Tra sport, impianti e rilancio economia locale


         (ANSA)

        Basile, gestione impianti torna a Enti

        Commissario straordinario, fino a settembre ci sarà guardiania


         (ANSA)

        Universiadi:De Luca,parleremo con Comuni

        Privilegio per Coni ma anche per associazioni sportive territori


        Vai alla rubrica: Pianeta Camere