'Via crucis' operai Fca licenziati

Croce presa da mare in memoria migranti, poi incontrano sindaco

(ANSA) - NAPOLI, 14 GIU - Via crucis organizzata a Napoli dai cinque metalmeccanici FCA licenziati perchè inscenarono il funerale dell'ad Sergio Marchionne davanti ai cancelli dello stabilimento di Pomigliano.
    Gli operai hanno simbolicamente raccolto una grossa croce di legno dal mare del porto ''In memoria - hanno spiegato - dei migranti morti in mare'' e poi, indossando maschere con le sembianze di un ragazzo nordafricano, hanno raggiunto palazzo San Giacomo dove ad attenderli c'era il sindaco di Napoli Luigi de Magistris. "Ho incontrato i cinque operai Fiat la cui sentenza della Corte di Cassazione ha riconosciuto il licenziamento. La sentenza apre contraddizioni sull'interpretazione dell'obbligo di fedeltà al quale sono sottoposti i dipendenti aziendali, al di là del merito delle possibili considerazioni che suscita una sentenza è compito di ogni amministratore confrontarsi con la sofferenza patita da chi perde il lavoro. Ai cinque operai del reparto logistica di Nola va la mia vicinanza".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Universiade 2019

Universiadi: a Castellammare allenamenti

Restyling dello stadio Romeo Menti con 500 mila euro


Universiadi: Msc Lirica villaggio marino

Lunga 275 metri, ha 976 cabine per 2679 passeggeri


Universiadi, contratto pista San Paolo

Lavori riguardano anche spogliatoi dello stadio


Vai alla rubrica: Pianeta Camere