Droga e anabolizzanti, perquisizioni

Albanesi e italiani gestivano traffico dalle celle

(ANSA) - VENEZIA, 22 MAR - Avrebbero gestito lo spaccio di droga dalle celle dov'erano detenuti, facendo arrivare stupefacenti e anabolizzanti nello stesso carcere, gli uomini raggiunti stamane da 7 ordinanze di custodia cautelare emesse dal Tribunale di Venezia ed eseguite dai Carabinieri. Si tratta di 5 misure di custodia in carcere e due obblighi di dimora. E' la conclusione di un'indagine condotta dai Carabinieri del nucleo investigativo di Venezia tra novembre 2016 e ottobre 2017. Ha consentito di appurare che alcuni detenuti di origine albanese e un cittadino italiano, ristretti al 'Santa Maria Maggiore' di Venezia, avevano la disponibilità di telefoni cellulari con cui mantenevano contatti con l'esterno e facendo arrivare all'interno del carcere droga e anabolizzanti. Le perquisizioni sono state eseguite all'alba nelle province di Venezia e Napoli; all'attività hanno preso parte circa 80 carabinieri del Comando di Venezia e della Compagnia di San Giorgio a Cremano (Napoli), con l'ausilio di un elicottero e di unità cinofile.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA


Universiade 2019

Universiadi:De Luca, fondi della Regione

'Comportamenti Comune Napoli di una scorrettezza insopportabile'


-200 giorni, evento con atleti e attori

Appuntamento sabato nella stazione ferroviaria centrale


Basile, campagna promozione globale

In riunione con Fisu anche tema cerimonie apertura e chiusura


Vai alla rubrica: Pianeta Camere