Anni di botte,donna salvata da omicidio

A Napoli lui le vietava di curarsi,ieri aggressione con coltello

(ANSA) - NAPOLI, 21 OTT - Non poteva sedersi a tavola, perché non ritenuta all'altezza. Angela, nome di fantasia, 40 anni, doveva solo servire. Se le figlie tornavano tardi da scuola veniva picchiata, perché la colpa era sua visto che non era riuscita ad educarle bene. Ieri Angela, della zona di Porta Capuana, stava per essere uccisa da chi - il compagno, di 45 anni - da due anni ha fatto vivere nel terrore l'intera famiglia. Era armato di coltello e martello e solo una telefonata anonima e l'intervento della Polizia ha evitato la tragedia. Ad una poliziotta, Angela ha avuto il coraggio di raccontare la sua storia. Lei che anche quando gli agenti hanno bussato alla porta ha negato che fosse successo qualcosa. Dietro Angela c'era lui che impugnava un coltello minacciandola di stare zitta. Ma i poliziotti lo hanno sentito.
    Madre di cinque figli, tre femmine e due maschietti più piccoli di sedici e otto anni, frutto di due matrimoni precedenti, Angela ha portato allo scoperto quanto subiva. L'uomo è stato arrestato.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere