Ricerca hi tech di Adler sbarca in Cina

Sarà un hub tecnologico per tutta l'Asia

(ANSA) - NAPOLI, 25 FEB - In Cina non solo per le attività di produzione ma anche per quelle di ricerca hi tech in un hub tecnologico al servizio di tutta l'Asia: è la sfida del Gruppo Adler-Pelzer che ha aperto in Cina un nuovo centro di ricerca e sviluppo che si va ad aggiungere ai sette già presenti nel resto del mondo.
    Per il gruppo di Ottaviano (Napoli), che progetta, sviluppa e produce componenti e sistemi per l'industria del trasporto (62 stabilimenti in 21 Paesi; diecimila dipendenti; 1,084 miliardi di euro di fatturato nel 2015) è un traguardo importante, a dieci anni esatti dal suo sbarco in Cina. Oggi i siti produttivi Adler-Pelzer nel Paese dei Mandarini sono dieci.
    Il nuovo centro di ricerca, attivo da alcune settimane, sorge a Taicang, vicino a Shangai, e svolgerà le funzioni di un vero e proprio hub per le attività di R&D in tutta l'Asia. In particolare si occuperà dello sviluppo dei sistemi di insonorizzazione e comfort acustico sia per clienti internazionali, sia per i costruttori di automobili cinesi.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Aeroporto di Napoli