Sprechi in sanità Campania, 16 mln danni erariali

La Guardia di Finanza di Napoli sta notificando numerosi provvedimenti giudiziari emessi dalla Corte dei Conti di Napoli a dirigenti delle aziende sanitarie, ospedaliere ed universitarie campane per danno erariale

NAPOLI - La Guardia di Finanza di Napoli sta notificando numerosi provvedimenti giudiziari emessi dalla Corte dei Conti di Napoli a dirigenti delle aziende sanitarie, ospedaliere ed universitarie campane per danno erariale.
    Le indagini hanno permesso di riscontrare somme indebitamente spese a carico del bilancio della Regione Campania pari a circa 16 milioni di euro in ragione dell'assegnazione di incarichi di primario e vice primario negli ospedali campani in esubero rispetto a quanto imposto dal governo in tema di "spending review". I dettagli delle indagini verranno illustrati nel corso di una conferenza stampa che si terrà, stamattina, alle ore 10.30 alla Procura regionale della Corte dei Conti di Napoli

Tra il 2014 e il 2015 sono stati retribuiti 523 incarichi di primari e pagate 1915 indennità di dirigenza in eccedenza rispetto alla dotazione organica prevista. C'è anche questo dietro i 49 provvedimenti giudiziari - 29 inviti a dedurre e 20 ordini autoritativi - emessi dalla Corte dei Conti di Napoli nei confronti di dirigenti delle aziende sanitarie, ospedaliere ed universitarie per danno erariale. Secondo quanto accertato dalle indagini condotte dalla Guardia di Finanza, nonostante il decreto commissariale emesso dalla Regione Campania nel 2014, nei limiti dei parametri definiti dall'intesa Stato-Regioni, in tutte le strutture della Campania - ne esce indenne l'Asl Napoli 1 - non si è mai provveduto all'esigenza di contenimento della spesa generando un disavanzo per le casse della Regione pari a 16 milioni di euro

Richieste cautelari finalizzate ad interrompere, immediatamente, il pagamento degli incarichi individuati così da impedire un ulteriore dispendi di risorse: ben 2 milioni di euro al mese. Ha chiesto anche questo la Corte dei Conti di Napoli per mettere fine a sprechi e ad un danno erariale che, in ragione dell'assegnazione di incarichi di primario e di vice primario negli ospedali campani in esubero rispetto a quanto imposto dal Governo in tema di spending review, ha determinato un danno erariale di circa 16milioni di euro. In merito a questo punto la sezione giurisdizionale della Corte dei Conti deciderà il 29 febbraio ma è probabile che la Regione Campania - oggi è stato notificato tutto al governatore Vincenzo De Luca - intervenga prima

All'ospedale di Nola c'è un primario e uno staff nonostante sia previsto un solo posto letto mentre all'ospedale Cardarelli di Napoli ci sono cinque reparti di medicina - con cinque primari - tre di chirurgia e due di ortopedia: reparti fotocopia. E se alla Federico II ci sono tre reparti di neurochirugia, all'Asl di Avellino risultano 28 dirigenti in più mentre all'Asl Salerno ad essere in eccedenza sono trenta unità operative complesse, il 'primo posto', quanto a sprechi spetta all'Asl Napoli 3 Sud - area di Torre del Greco - con ben 132 primari e 254 vice in più. C'è tutto questo dietro i provvedimenti giudiziari notificati oggi dalla Corte dei Conti di Napoli e dietro le indagini condotte dal comando provinciale della Guardia di Finanza di Napoli, diretto dal generale Gianluigi D'Alfonso, con l'ausilio del gruppo di Torre Annunziata, diretto dal colonnello Carmine Virno, e dal reparto di Nola diretto dal capitano Luca Modestino Gelormino. In barba a quanto previsto, e cioè che ci dovrebbe essere un primario ogni 17,5 posti letto, in Campania avveniva tutt'altro. Duplicazioni e in alcuni casi triplicazioni di reparti, anche in strutture che registrano sofferenza di personale   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Aeroporto di Napoli

Progetto Caltanissetta e Caserta sicure e moderne