Rapina, vittima e bandito si danno mano

Il singolare colpo a Napoli. Arrestati i due responsabili

E' finita con una stretta di mano tra il rapinatore e il gioielliere - all'insegna della più classica delle sindromi, quella di Stoccolma - la rapina messa a segno da una coppia in una gioielleria di Ponticelli (Napoli).

    I due malviventi sono entrati nel negozio fingendosi clienti.

    Poi l'uomo, Giuseppe Merolla napoletano di 30 anni, evaso dagli arresti domiciliari per commettere la rapina, ha estratto la pistola minacciando il titolare mentre la donna che lo accompagnava, R.D. di 38 anni, napoletana anche lei, svuotava la cassaforte.

    Quindi il singolare epilogo, con la donna che esce dal negozio con la refurtiva e l'uomo invece che rimane a chiacchierare con la vittima con la quale socializza mostrandogli anche il suo documento. Infine i saluti con una stretta di mano tra i due. La telefonata di alcuni passanti al 112 ha messo i carabinieri sulle tracce dei due rapinatori. Al termine di un breve inseguimento a piedi Merolla è stato arrestato. La sua complice si è costituita.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

servizi alle imprese

Direct selling, consulenza e servizi alle imprese: con la qualità Sun4All non conosce crisi

Sostenere un'azienda a "fare bene" è un lavoro che richiede impegno e ampie capacità organizzative. Viaggio nella realtà delle agenzie di servizi.


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Aeroporto di Napoli

Progetto Caltanissetta e Caserta sicure e moderne