Cortese, lotta crimine anche con cultura

Renato Cortese a Morano Calabro per i 70 anni della Costituzione

(ANSA) - MORANO CALABRO (COSENZA), 11 DIC - "La lotta contro l'illegalità e il crimine si effettua non solo con gli apparati repressivi, ma rappresenta soprattutto un fatto culturale. Occorre stimolare le nuove generazioni ad acquisire consapevolezza di cosa è bene e cosa non lo è e a non chinarsi dinanzi alla prepotenza e all'arroganza, promuovendo il rispetto e l'onestà. Perché il silenzio e l'indifferenza possono uccidere". Lo ha detto il questore di Palermo, Renato Cortese, intervenendo a Morano Calabro al convegno organizzato dal Comune guidato dal sindaco Nicolò De Bartolo per i 70 anni della Costituzione.
    "Dire no alla mafia - ha aggiunto Cortese - vuol dire studiare, essere culturalmente forti. E vuol dire non chiedere mai la raccomandazione. La sopraffazione, in alcune aree del Paese, condiziona pesantemente la libertà dei cittadini. L'unico modo per ribellarsi é quello di stare sempre e convintamente dalla parte dello Stato".
    A Cortese é stata consegnata una pergamena per le sue "quotidiane battaglie contro la criminalità".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere