Sequestrato frantoio abusivo

Operazione nel reggino, scarti lavorazione in vecchi vasche

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 6 DIC - I finanzieri del Comando provinciale di Reggio Calabria hanno sequestrato un frantoio oleario totalmente abusivo operante nella zona Macellari del capoluogo reggino. Nel corso di un controllo i militari hanno constatato che l'opificio era sprovvisto di qualsiasi tipo di autorizzazione all'esercizio dell'attività, nonché alla gestione dei rifiuti della lavorazione delle olive. Tutta la zona era in una grave situazione ambientale: gli scarti, infatti, erano stoccati su un terreno e all'interno di vecchie vasche adiacenti al frantoio, senza che la proprietaria avesse preso alcun accorgimento per prevenirne le infiltrazioni nel sottosuolo. E' stato anche constatato un furto di acqua con la manomissione di un misuratore idrico, oltre all'assenza dell'assicurazione e della revisione per il furgone usato per il trasporto dei liquami. La titolare è stata denunciata per gestione di rifiuti non autorizzata e furto aggravato di acqua.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

.

Michelangelo Bonaddio: “Lo sviluppo tecnologico aiuta il rispetto dell’ambiente”

Il fondatore della Bonaddio, azienda calabrese specializzata nella produzione di articoli in gomma, ha ideato strumenti adatti alla salvaguardia del territorio.


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.