Confiscati beni a moglie presunto boss

Si tratta di una lussuosa villa e di 17 terreni nel crotonese

(ANSA) - CROTONE, 13 SET - Beni immobili per un valore di 350 mila euro sono stati confiscati a Paola Ceraudo, moglie di Vincenzo Comberiati, ritenuto a capo della cosca di 'ndrangheta di Petilia Policastro.
    La confisca è stata eseguita dalla Guardia di finanza di Crotone su disposizione della Sezione misure di prevenzione della Corte d'Appello di Catanzaro e in accoglimento di un ricorso presentato dalla Direzione distrettuale antimafia catanzarese avverso ad un decreto di rigetto della misura emesso nell'ottobre 2015 dal Tribunale di Crotone.
    In particolare, a seguito di lunghe, complesse e articolate indagini di polizia giudiziaria ed economico finanziaria e attraverso accertamenti bancari e incrocio delle informazioni acquisite con i dati rilevati dalle banche dati della Guardia di Finanza, sono stati confiscati alla consorte di Comberiati una lussuosa villa e 17 terreni ubicati nei territori dei comuni di Petilia Policastro e Mesoraca.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Francesco La Regina - Zinco Group

Canna fumaria ad alto valore aggiunto di tecnologia alla Zinco Group

"Facciamo le stesse cose che fanno gli altri, noi le facciamo in modo diverso"


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere