Impiantato un pacemaker-defibrillatore

Trattamento innovativo della Cardiologia Università Magna Grecia

(ANSA) - CATANZARO, 1 MAR - Un pacemaker con funzione di defibrillatore (Icd), in grado di riuscire a diagnosticare i parossismi di fibrillazione atriale e prevenire aritmie mortali, è stato impiantato, per la prima volta in Calabria, ad un paziente affetto da scompenso cardiaco, dovuto a disfunzione del ventricolo sinistro e ipertensione arteriosa, obeso, e con diversi accessi al pronto soccorso. L'intervento di impianto è stato fatto da Antonio Curcio e dall'equipe di Elettrofisiologia e Cardiostimolazione dell'Università Magna Graecia di Catanzaro.
    Il trattamento innovativo è stato reso possibile grazie alla Cardiologia universitaria, guidata da Ciro Indolfi. Il defibrillatore impiantato ha una forma caratterizzata da bordi sottili e arrotondati che riduce la pressione sulla cute del 30%. Tale dispositivo, oltre a funzionare da defibrillatore nella prevenzione della morte cardiaca improvvisa è dotato di un nuova tecnologia che consente il riconoscimento in maniera affidabile degli episodi di fibrillazione atriale.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

.

Michelangelo Bonaddio: “Lo sviluppo tecnologico aiuta il rispetto dell’ambiente”

Il fondatore della Bonaddio, azienda calabrese specializzata nella produzione di articoli in gomma, ha ideato strumenti adatti alla salvaguardia del territorio.


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere