Bimba uccisa a Cosenza, funarali

Don Gino, Marianna, un fiore sbocciato nel giardino dell'amore

(ANSA) - COSENZA, 22 FEB - Dolore, commozione e un silenzio rotto solo dagli applausi all'uscita della bara bianca, per i funerali a Cosenza della piccola Marianna Luberto, di sette mesi, che sarebbe stata uccisa dalla madre Giovanna Leonetti, fermata con l'accusa di omicidio volontario. Ad accogliere il padre, Francesco, che sul copribara di roselline ha fatto scrivere "Da papà al suo piccolo angelo", c'era anche l'arcivescovo di Cosenza, mons. Francesco Nolè che, prima della funzione, lo ha abbracciato sussurrandogli parole di conforto.
    Nella chiesa di Santa Teresa, anche i nonni, i familiari e gli amici. "Buono è il Signore con l'anima che lo cerca - ha detto don Gino Luberto nell'omelia - ed è questa la parola che illumina chi stasera è qui". Il sacerdote ha definito la piccola un "fiore sbocciato nel giardino dell'amore di Francesco e Giovanna".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

.

Michelangelo Bonaddio: “Lo sviluppo tecnologico aiuta il rispetto dell’ambiente”

Il fondatore della Bonaddio, azienda calabrese specializzata nella produzione di articoli in gomma, ha ideato strumenti adatti alla salvaguardia del territorio.


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere