Corte Conti, no rassegnazione a illeciti

"Sanità e truffe mali ricorrenti, gravi rischi carenza organico"

(ANSA) - CATANZARO, 19 FEB - "Le tipologie di aggressione al patrimonio pubblico, nelle loro variegate molteplicità, si sono ripetute anche nell'anno in esame, ormai secondo un triste e più virulento copione di dannose inefficienze amministrative, di truffe ad enti previdenziali, di indebite percezioni di finanziamenti pubblici nazionali ed europei, di procedimenti ablatori da parte di enti locali, iniziati e non definiti e di altri illeciti comportamenti". Lo ha detto il presidente della sezione giurisdizionale per la Calabria della Corte dei Conti, Mario Condemi, in apertura dell'anno giudiziario contabile.
    Condemi ha invitato a non "adagiarsi su una gattopardesca rassegnazione". Sanità, società partecipate ed enti strumentali, frodi comunitarie e spreco di risorse pubbliche rimangono elementi critici. Per il procuratore Rossella Scerbo "i danni erariali, oggetto dell'azione della Procura, sono proteiformi e investono tutti i settori in cui si esplica l'esercizio delle funzioni pubbliche".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

.

Michelangelo Bonaddio: “Lo sviluppo tecnologico aiuta il rispetto dell’ambiente”

Il fondatore della Bonaddio, azienda calabrese specializzata nella produzione di articoli in gomma, ha ideato strumenti adatti alla salvaguardia del territorio.


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.