'Ndrangheta, cade accusa clan Brianza

Cade ancora in processo secondo grado 'bis' accusa per i Paparo

(ANSA) - MILANO, 03 FEB - E' caduta ancora una volta l'accusa di associazione mafiosa che era contestata a sei persone che, secondo la Dda di Milano, avrebbero fatto parte di un clan della 'ndrangheta radicato a Monza in Brianza. La Corte d'Appello del capoluogo lombardo, infatti, nel processo di secondo grado 'bis', che derivava da un annullamento con rinvio da parte della Cassazione, ha condannato oggi i sei imputati, tra cui Marcello Paparo, a pene fino a 5 anni e 10 mesi per vari reati, ma ha cancellato l'accusa principale prevista dall'articolo 416 bis del codice penale.
    Già nell'ottobre del 2013 la Suprema Corte, accogliendo il ricorso dell'avvocato Amedeo Rizza e di altri legali, aveva annullato le condanne per il reato di associazione a delinquere di stampo mafioso e aveva ordinato un nuovo processo d'appello che si è concluso oggi, davanti alla quarta sezione penale della Corte, presieduta da Paolo Maria Giacardi.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

.

Michelangelo Bonaddio: “Lo sviluppo tecnologico aiuta il rispetto dell’ambiente”

Il fondatore della Bonaddio, azienda calabrese specializzata nella produzione di articoli in gomma, ha ideato strumenti adatti alla salvaguardia del territorio.


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere