Video e teste per fermo autore omicidio

Investigatori hanno trovato anche tracce sangue e arma delitto

(ANSA) - PAOLA (COSENZA), 29 GEN - Le macchie di sangue trovate nel lavandino del bagno e sull'auto di Paolo Di Profio, le immagini di una telecamera di videosorveglianza di un'abitazione ed il piede di porco usato per compiere l'omicidio di Anna Giordanelli. Sono questi gli elementi raccolti dai carabinieri nelle indagini sul delitto. I particolari sono stati resi noti nel corso di una conferenza stampa dei carabinieri e del Procuratore di Paola, Bruno Giordano.
    Per il delitto la Procura di Paola ha disposto il fermo del cognato della vittima, Paolo Profio, di 47 anni. Nelle immagini registrate dalle telecamere di videosorveglianza si vede l'automobile Fiat Panda verde di proprietà dell'indagato che si allontana dal luogo dell'omicidio. Il piede di porco usato per l'omicidio, inoltre, è stato riconosciuto dall'ex moglie di Di Profio. Ci sarebbe anche la testimonianza di un uomo che ha riferito di averlo visto Di Profio a bordo della panda verde che seguiva la vittima.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere