Tentata aggressione Immobile:titolare lido, fatto spiacevole

(v. 'Tentata aggressione a Immobile: uomo sotto...' delle 13.29)

(ANSA) - FRANCAVILLA AL MARE (CHIETI), 8 LUG - "Ci dispiace per quello che è successo, sono cose che non si possono prevedere, questa è una spiaggia tranquilla, tenuta bene, non è una spiaggia di vip e non abbiamo la sicurezza". A spiegarlo è il titolare del Lido Bianco di Francavilla Al Mare, Mauro Cioffi, dove ieri è avvenuto un tentativo di aggressione ai danni del calciatore della Lazio e della Nazionale, Ciro Immobile, da parte di un pescarese di 35 anni già sotto Daspo.
    "Ieri c'è stata une mezz'ora di confusione - ha spiegato - io ero sul terrazzo e mi sono accorto di ciò che stava accadendo sotto gli ombrelloni quando il parapiglia è iniziato. È la prima volta che Immobile viene da noi, mentre non so chi sia l'aggressore, non lo conosco. È un episodio spiacevole, che capita quando ci sono persone che danno troppa importanza alla fede calcistica: è la prima volta che capita una cosa del genere".
    Immobile ha una forte legame con l'Abruzzo anche perché la moglie, Jessica Melena, è originaria di Bucchianico, un piccolo centro del chietino. Sui suoi profili social nessuno commento da parte del giocatore sulla brutta avventura della quale è stato vittima. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere