Rifiuti: Cgil, 'impianti pieni, a un passo da emergenza'

(ANSA) - ROMA, 8 GEN - "Stupisce lo slogan della Sindaca Virginia Raggi, secondo cui Roma avrebbe retto. Stupisce perché a guardare lo stato degli impianti, girando per le officine e conoscendo l'azienda si direbbe che siamo sempre nella stessa situazione: la Capitale è costantemente a un passo dall' emergenza e si è abituata a un ciclo dei rifiuti inefficiente.
    Roma regge a stento e solo perché conserva nella pancia degli impianti Ama un'enorme quantità di rifiuti, mandando oltre il 25% a smaltire fuori dal proprio territorio". Con una nota Natale Di Cola, segretario generale della Fp Cgil Roma e Lazio.
    "L'opzione emiliana sarebbe servita a svuotare nell'immediato i Tmb sovraccarichi e a garantire una via d'uscita in caso di crisi come quella vissuta in questi giorni. Due anelli della catena che si tengono a stento in piedi - aggiunge Di Cola -. Il primo è quello degli impianti, malconci e inadeguati, che non garantiscono autonomia. Il secondo sono le officine e i mezzi, con oltre il 50% delle macchine inutilizzabili e spesso inadeguate alla raccolta".(ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA