L'Aquila Rugby diserta esordio serie A

Caos tesseramenti, atleti protestano con lettera aperta

(ANSA) - L'AQUILA, 30 SET - "Chi non ci permette domani di giocare sono sia i nemici storici sia quelli che si erano dichiarati amici, persone che fanno finta di litigare solo quando le luci delle telecamere sono accese". È un passaggio della dura lettera aperta letta nella tribuna dello stadio Fattori dell'Aquila, dai giocatori dell'Aquila Rugby, iscritta al campionato di serie A, sulla drammatica situazione del sodalizio, gravato da debiti e ridotte finanze per affrontare il torneo. Domani, proprio nella città segnata dal terremoto del 6 aprile 2009, nell'esordio in programma contro il Prato Sesto, a meno di miracoli dell'ultima ora L'Aquila, gloriosa società in passato dominatrice della scena nazionale, non si presenterà in campo per un problema legato ai tesseramenti degli atleti. Il che vuol dire partita persa con quattro punti di penalizzazione e una multa di 4mila euro e risarcimento delle spese agli ospiti. E se il forfait si dovesse ripetere per tre gare, sarà decretata l'esclusione dal campionato.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere