Valle d'Aosta

Au coeur de la reprise, consegnati i 4 premi alle vincitrici

Bertin, "donne hanno capacità di rialzare sempre la testa"

(ANSA) - AOSTA, 16 LUG - Hanno reagito alla pandemia con iniziative originali ed efficaci, radicate sul territorio, con l'obiettivo di superare la fase critica: sono le quattro vincitrici della seconda edizione del premio 'Au cœur de la reprise: esperienze di ripartenza al femminile', istituito dal Consiglio regionale della Valle d'Aosta e consegnato in una cerimonia a Palazzo regionale, ad Aosta.
    Sono due i settori del premio: per il primo, quello imprenditoriale-professionale, sono state selezionate le azioni portate avanti da Stefania Bethaz e Beatrice Cortese; per il secondo, quello sociale-medico-sanitario, il premio è invece andato a Liliana Padurariu e Michela Greco. Ciascun premio è accompagnato da un riconoscimento economico, rispettivamente da 3.000 e 2.000 euro per il primo e il secondo posto, da destinare alle attività premiate.
    "Per questa seconda edizione del Premio - ha detto il presidente del Consiglio Valle, Alberto Bertin - sono arrivate al Consiglio ben 38 candidature, a riprova della gravità della situazione, ma anche a dimostrazione di come le donne abbiano, non solo la cultura del dono, ma anche la capacità di saper rialzare sempre la testa. Come Giuria è stato difficile scegliere, perché tutti i progetti presentati raccontano una storia di ripartenza".
    Per il settore imprenditoriale-professionale, il primo premio è stato assegnato a Stefania Bethaz, ristoratrice, per aver saputo rimodulare la propria attività e offrire un servizio alla piccola comunità di Valgrisenche. Il secondo premio è stato attribuito a Beatrice Cortese, sommelier, per gli innovativi progetti ideati durante il lockdown per far continuare a crescere l'azienda di famiglia. Per il settore sociale-medico-sanitario, il primo premio è andato a Liliana Padurariu, vicepresidente dell'Associazione Quartiere Cogne, che sin dall'inizio dell'emergenza si è spesa su più fronti per venire incontro alle diverse esigenze degli abitanti del quartiere. Il secondo premio è stato assegnato a Michela Greco, infermiera professionale in pensione, assessore alle politiche sociali di Gressan, per essere riuscita a concretizzare e coordinare progetti che potessero far fronte ai bisogni della comunità. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie